Alla riscoperta della tradizione dell’amaro… passando dall’America

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Nel panorama italiano la tradizione dell’amaro può essere ripercorsa a ritroso fino ai secoli scorsi, ma è tra gli anni Settanta e Ottanta che esplode il boom della moda dell’amaro, come drink legato alla mondanità e alla vita sociale delle grandi metropoli, racchiuso efficacemente nel celebre claim pubblicitario di uno dei più noti amari nazionali: “Milano da bere”.

Poi l’amaro è uscito dalla scena per qualche decennio, i gusti degli italiani sono cambiati, hanno teso la mano sempre più alle tendenze in arrivo dall’estero, facendo così cadere quasi in disuso la tradizione del fine pasto con il classico bicchierino di amaro.

Ma la tradizione dell’amaro non era certamente finita. Per ritornare in auge, ha dovuto attraversare l’Oceano: è infatti nei bar di San Francisco e di New York che si è assistito da alcuni anni alla riscoperta di questo classico italiano. In queste città sono nati anche dei veri e propri amaro bar, dei locali specializzati nella degustazione di questo elisir. Barman famosi ed esperti del settore hanno iniziato a sperimentare, ad utilizzare l’amaro in nuove ricette di cocktail, traghettando così la tradizione dell’amaro nel mondo dei più giovani e facendolo così uscire dai confini del semplice bicchierino di “ammazzacaffè” o digestivo. 

Ed è così che l’amaro, che veniva percepito come qualcosa di vecchio e sorpassato, vive oggi un nuovo momento di gloria, grazie ad un utilizzo più giovane e moderno che comunque valorizza le sue qualità e la sua storia. La sua versatilità lo ha reso il re indiscusso del mondo “beverage” degli ultimi anni: si lascia bere liscio freddo, con ghiaccio o mixato all’interno dei cocktail per rivisitare i grandi classici o crearne di nuovi.

Anche il nostro Artista, pur celando in sé una ricetta antica e un sapore d’altri tempi, si sposa perfettamente con l’innovazione, diventando protagonista in cocktail e ricette curiose ed accattivanti. Vuoi saperne di più? Visita la sezione mixology del nostro sito.

Dichiaro di avere più di 18 anni.
Apri la chat
Ciao, hai bisogno di aiuto?